Via IX Agosto, 9/A
34170 Gorizia (GO)
P.IVA 01140880319

  /    /  Diadora

L ‘azienda Diadora nasce a Caerano di San Marco, nel 1948, come ditta specializzata in scarponi da montagna La zona pedemontana veneta era nota per la produzione di calzature, una tradizione iniziata durante il periodo della grande guerra, quando nel Trevigiano, ritrovatosi sul fronte, si diffuse la produzione di calzature militari per supportare i soldati. L’industria continuò anche nei decenni successivi, sviluppandosi e specializzandosi ulteriormente. È in questo contesto che nasce: il fondatore Marcello Danieli, chiamato anche Ottavio perché ultimo di otto fratelli, aiutato dalla moglie e da un socio, Rinaldo Menegon, inizia una produzione artigianale. Con gli anni sessanta e il più diffuso benessere che investe l’Italia, Diadora, grazie all’acquisto di nuovi macchinari e brevetti americani di produzione (come ad esempio la pressofusione), si evolve in una vera e propria fabbrica, con produzione dalle dimensioni e dai processi industriali, ma riuscendo a mantenere un’ottima qualità e con essa la fama a livello nazionale. Ma gli anni sessanta portano anche ad una maggiore attenzione degli italiani al mondo sportivo, e ciò spinge Diadora ad aggiungere alle pedule e agli scarponi la produzione di scarponi da sci e di Doposcì. Il  logo Diadora originale risale al 1972 ed era chiamato cinque palle perché composto da cinque cerchi in onore delle Olimpiadi Negli anni settanta, e in particolare con Montreal 1976, il marchio (all’inizio i cerchi olimpici, dal 1973 assume la forma della freccia alata) si impone nel mondo dello sport, attraverso la sponsorizzazione di alcuni celebri campioni del tennis e del calcio, fra i quali Björn Borg, Roberto Bettega, Marco Tardelli, Walter Zenga e Giuseppe Gentile, seguiti dall’atletica leggera, da Gabriella Dorio sino a Ben Johnson. Questa campagna di sponsorizzazione traina Diadora in ambito internazionale: la produzione supera i tre milioni di paia, che vengono distribuiti da oltre 3.500 punti di vendita in 45 paesi di tutto il mondo. Grazie a Diadora (in cui già da tempo lavorano i tre figli di Marcello Danieli, Roberto, Pierluigi, Diego) nasce anche la moda della scarpa da tennis al di fuori del contesto sportivo, usata dai ragazzi come accessorio casual. In quegli anni lo sport diventa un fenomeno sociale e di costume, il vero ambiente capace di dettare le mode e i trend più attuali e Diadora sconfina dall’ambito delle performance al lifestyle, producendo alcune sneakers basse che cambiano per sempre il mondo delle calzature; le sneakers da tennis vengono sdoganate da una leggenda come Borg, che con il suo stile alternativo e irriverente detta legge anche fuori dal campo da gioco. Tra le silhouette più famose negli anni ’90, le  N9000 mescolano stile e comfort in pieno stile Diadora, abbinando una suola in EVA ammortizzata con delicate linee lifestyle, forti di un background sportivo che si trova a proprio agio in città; le Diadora V7000 – la ‘V’ sta per ‘veloce’ – sono sneakers  Diadora per breve distanze equipaggiate con una suola gomma con una scanalatura a Z e una soletta interna Vibrassorb, capaci di dominare tanto in pista e nel tempo libero. Le Diadora B Elite probabilmente sono le scarpe da tennis più amate della storia: nate con una tomaia di pelle premium e una suola in gomma, hanno spopolato nel mondo hip hop e sono disponibili in mille colorazioni diverse, inclusa una versione Elite Weave con tomaia alleggerita e materiali moderni; lanciate nei primi anni ’90, le Rebound Ace sono sempre nate sul court da gioco, ma dimostrano il lato più performanc di Diadora con una struttura realizzata in poliuretano che divenne un must-have per gli atleti anche grazie al sistema di ammortizzazion Double Action. Il saldo legame che lo lega al mondo del pallone ha portato Diadora a realizzare alcune delle maglie da calcio più iconiche, oltre che intere linee di abbigliamento da calcio dedicate ai grandi del passato la collezione Diadora RB94 dedicata a Roberto Baggio porta lo sportswear vintage a un alto livello, perché recupera fedelmente gli elementi originali delle divise, incluse le toppe applicate e i loghi ricamati, mantenendo l’alto livello di produzione Diadora. Nata negli anni 2000, la linea Diadora Heritage si impegna a riproporre i capi storici del brand attraverso un attento processo di selezione e restyling, rielaborando tracksuit Diadora, magliette e felpe che conservano il design originali con vestibilità e tessuti moderni.

X